Disturbi da stress, le donne ne soffrono più degli uomini

Sembra che i disturbi da stress 30colpiscano molto di più le donne rispetto agli uomini. Questo è quanto risulta da un recente sondaggio condotto da YouGov e commissionato dalla Physiological Society. Gli esperti hanno rilevato che per le donne affrontare le problematiche legate al vivere quotidiano suscita molto stress. Il che è preoccupante se si pensa a quanto lo stress può incidere sullo stato di salute dell’essere umano.

Più di 2.000 cittadini britannici coinvolti nel sondaggio

Il team di ricerca ha preso in esame oltre 2.000 cittadini del Regno Unito. Tra le tematiche emerse più frequentemente c’erano la Brexit, il terrorismo, ma anche la nascita di un primo figlio. Più i soggetti erano in età avanzata, maggiore era lo stress percepito.
Le cause dei disturbi da stress sono risultate essere le più disparate. Nei soggetti più anziani può creare problemi soprattutto una malattia, mentre negli adulti tra i 25 e i 34 anni a far sentire tutto il suo peso emotivo è l’arrivo di un primo figlio. Nei ragazzi più giovani, invece, basta anche lo smarrimento dello smartphone a provocare stress.
Un punto interessante del sondaggio ha a che fare con la Brexit: sembra che il fenomeno abbia stressato molto i ragazzi tra i 18 e i 24 anni. Specie quelli con un alto grado di istruzione.

Disturbi da stress, un problema da non sottovalutare

Lo stress non va preso sotto gamba. I disturbi che provoca possono arrivare a compromettere seriamente la salute fisica e mentale delle persone. Cuore, stomaco, intestino, sistema immunitario sono tutti organi che possono risentire molto in caso di stress.
Il sondaggio ha evidenziato che le donne, specie se alle prese con la prima gravidanza, soffrono notevolmente di disturbi da stress. Molto più degli uomini. Questo dato deve far riflettere: la salute delle donne va tutelata, andando a lavorare sui disturbi da stress che sono all’ordine del giorno. Sia in ambiente domestico che sul posto di lavoro.

Foto: via Unsplash

Commenti

commenti

L'autrice

Reply

Cosa ne pensi?