Sport e sessualità, una relazione talvolta complicata

Il rapporto tra sport e sessualità potrebbe non essere così felice come si è portati a pensare.
Secondo una recente indagine, infatti, negli uomini che fanno troppo sport il desiderio sessuale subisce un notevole calo. Gli sport più “colpevoli”? Quelli che richiedono lunghe prestazioni in termini di durata, come le maratone e le gare di triathlon.
Il lavoro è stato portato avanti da un team di esperti del North Carolina; è stato pubblicato sulla rivista Medicine and Science in Sports and Exercise.

Un migliaio di uomini sottoposto a questionari serrati

Corse lunghe e gare di triathlon eccellenti avrebbero un risvolto della medaglia negativo sul fronte dell’intimità con il partner. Gli sportivi più accaniti correrebbero un rischio sette volte più alto di avere un calo del desiderio sessuale. Chi fa sport con ritmi più moderati, invece, corre un rischio molto più basso. Sport e sessualità maschile non vanno proprio a braccetto, insomma.

Il team di ricercatori ha sottoposto ad un fitto questionario un gruppo di mille uomini. Tutti i volontari che si sono prestati all’indagine fanno sport a diversi livelli di intensità.
Le domande entravano molto nel dettaglio. L’obiettivo era proprio quello di indagare in che modo l’esercizio fisico influisce sulla sessualità degli atleti.

Sport e sessualità fanno a pugni

Secondo quanto emerso dai questionari, più a lungo dura l’allenamento più il desiderio sessuale cala. Anthony Hackney, coordinatore del gruppo e autore dello studio, afferma che sport e sessualità entrano in contrasto tra loro, specie con l’avanzare dell’età. Ad essere coinvolto in questa dinamica sarebbe il calo del testosterone. Come si può intuire, più si avanza con l’età più il problema diventa consistente: il testosterone si abbassa in corrispondenza dell’arrivo dell’andropausa. Nei ragazzi giovani il troppo allenamento sportivo incide molto meno sull’attività sessuale.

I dati ricavati dall’indagine, stando alle parole di Hackney, restituiscono un quadro molto chiaro: c’è un’effettiva correlazione tra la scarsa libido sessuale e il grado di intensità dell’allenamento sportivo. Quel che va approfondito è quale può essere la soglia massima di allenamento oltre la quale un uomo corre il rischio di avere un calo del desiderio sessuale. Un valore che potrebbe variare sensibilmente di soggetto in soggetto. L’indagine del team di Hackney può quindi esser considerata come punto di partenza per un’analisi più ampia del rapporto tra sessualità e sport.

Commenti

commenti

L'autrice