Infezioni sessualmente trasmissibili: depilazione pube aumenta rischio

Depilarsi il pube espone a un rischio maggiore di contrarre infezioni sessualmente trasmissibili (IST). Il pericolo di contrarre infezioni tramite rapporti sessuali cresce sia negli uomini che nelle donne che rimuovono di frequente i peli pubici. I soggetti più esposti sono coloro che procedono alla rimozione totale dei peli nelle parti intime. È quanto emerge da un recente studio condotto su un campione di 7.500 cittadini americani, pubblicato sulla rivista specializzata Sexually Transmitted Infections, edita dal British Medical Journal.

Depilazione espone a infezioni come l’herpes o l’HPV

Il 17% dei partecipanti che ha riferito di depilarsi integralmente lo fa una volta al mese, il 22% tutti i giorni o ogni settimana. Questi soggetti corrono un rischio da 3 a 4 volte superiore di contrarre infezioni sessualmente trasmissibili come l’herpes o l’HPV, il papillomavirus umano.

Secondo i ricercatori dell’Università della California di San Francisco che hanno condotto lo studio il numero più alto di infezioni sessualmente trasmissibili riscontrato nei soggetti che si depilano potrebbe essere dovuto a due fattori. Il primo riguarda le ferite da taglio e le microlesioni dell’epidermide provocate dalla depilazione. Quando la pelle è ferita è infatti più facile trasmettere i virus all’origine delle malattie sessuali.

La seconda causa della pericolosa relazione va ricercata nelle abitudini sessuali delle persone che si depilano integralmente. Secondo gli esperti si tratta di individui che generalmente hanno una vita sessuale più attiva, tendono ad avere più partner e rapporti a rischio. Dunque sono più soggetti statisticamente a contrarre malattie infettive trasmesse tramite i rapporti sessuali non protetti o il contatto con i genitali.

Dallo studio è emerso che gli uomini utilizzano soprattutto il rasoio elettrico per depilarsi, mentre le donne il rasoio manuale. Un soggetto su cinque usa le forbici. Sugli oggetti usati per rimuovere i peli non sono state trovate tracce di virus. Secondo gli esperti è dunque poco comune che la trasmissione avvenga tramite la condivisione dei rasoi. Ciononostante è bene non condividere questi oggetti e curare scrupolosamente l’igiene personale.

I ricercatori americani suggeriscono ai medici di avvertire i pazienti sui rischi della depilazione integrale del pube. L’ideale sarebbe non eliminare tutti i peli dell’inguine e non avere rapporti sessuali a rischio fino a quando le micro-lacerazioni della pelle non sono del tutto guarite.

Depilazione: rimedio efficace contro i pidocchi del pube

Ma non tutte le depilazioni vengono per nuocere. Lo studio ha infatti scoperto che chi si depila previene la pediculosi del pube. Si tratta di un’infestazione di pidocchi che si annidano nell’area genitale deponendovi le uova.

Fonte: BBC
Foto: via Pixabay

Commenti

commenti

L'autrice