Cura dell’obesità e test per le intolleranze alimentari

Bando ai falsi miti nella cura dell’obesità: l’intervento della Società Italiana di Diabetologia

Il rapporto tra i test per le intolleranze alimentari e la cura dell’obesità è spesso oggetto di grande confusione. Una confusione che genera mostri: molte sono le diete per la cura del sovrappeso predisposte in base a test sulle intolleranze alimentari, quando invece non esiste nessuna prova del fatto che i due fenomeni siano collegati fra loro.

Un documento per fare chiarezza

A fare luce sulla situazione è intervenuta la Società Italiana di Diabetologia (Sid), ben decisa a sbugiardare diete pseudoscientifiche e bufale legate alla cura dell’obesità. La Sid, con il supporto delle associazioni Adi, Amd, Andid, Sinu, Sinupe e Sio che si occupano di nutrizione e alimentazione, ha creato un documento che esamina a fondo i temi relativi ad allergie, intolleranze e obesità.
Come si suol dire, carta canta. Il documento lo dice forte e chiaro: non esiste nessuna prova scientifica del fatto che la cura dell’obesità debba partire dalla diagnosi di allergie o intolleranze alimentari. Tra i due fenomeni non c’è un reale rapporto di causa-effetto.

Falsi miti sulla cura dell’obesità e delle intolleranze alimentari

Stando a quanto afferma la Sid, non hanno fondamento scientifico le diagnosi fatte attraverso test elettrodermici o tramite il cosiddetto dosaggio degli anticorpi lgG4. Secondo i laboratori che somministrano questo particolare test diagnostico, la positività agli anticorpi lgG4 sarebbe indice della presenza di intolleranze alimentari nell’organismo.
E’ stato però ampiamente dimostrato che gli lgG4 si trovano in adulti e bambini per motivi del tutto fisiologici, perché sono presenti negli alimenti che vengono ingeriti regolarmente. Il sistema immunitario li produce naturalmente in reazione ai componenti presenti negli alimenti stessi.
La Sid, assieme alle altre associazioni, ribadisce che il sovrappeso si combatte con l’attività fisica e soprattutto con una dieta sana ed equilibrata, che permette di godere di benefici a lungo termine. Un invito alla cura per l’obesità che sia lungimirante e con cognizione di causa.

Foto: via Pixabay

Commenti

commenti

L'autrice